• Itinerari a Parma

Itinerari a Parma

LA TERRA DI VERDI

Ristorante Ristorazione Parma - La terra di VerdiIl viaggiatore che, lasciata la Via Emilia, s'avventura diretto al Po, sfiorando antiche Abbazie Benedettine, ben presto giunge alle Roncole, dove sta la casa del Maestro. Di lì trascorre poi a Busseto dove tutto parla di lui e quasi aleggiano nell'aria le note sue fatali fino ad arrivare, alla villa di Sant'Agata. Dalla Parma ducale, dove si conservano le memorie del suo peregrinare nel mondo

LA VIA FRANCIGENA

Cuochi, servizi ristorativi - La via francigenaUna giornata di cammino, una sosta e di nuovo riprende l'itinerario del pellegrino medievale: homo viator. La strada Romea dalle immagini della cattedrale di Fidenza alle pievi di Fornovo, Bardone, Berceto consente di ripercorrere dalla pianura al monte questo cammino nelle sculture in arenaria dei mostri, dei santi, dei re e dei pellegrini, testimoni di una umanità giù europea.

LA REGGIA DI COLORNO E L'ARANCIAIA

Vini Enoteca Parma - La Reggia di Colorno e l' AranciaiaDal viale in terra battuta del Giardino si partivano in quel pomeriggio di tardo autunno di oltre un secolo e mezzo fa con sopra i grandi vasi di aranci, che i cavalli trainavano fino all'"Orangeria nobile" percorrendo poi al suo interno la salita, che conduceva al piano superiore (oggi sede del museo etnografico della civiltà contadina). La Duchessa se n'era anch'essa appena andata dal Palazzo, che le serviva da residenza estiva.

IL PO E LA BASSA DI GUARESCHI

Castello di Parma - Il po e la bassa di GuareschiE' Lui, Giovannino che invita a recarsi in "quella fettaccia di terra grassa spaparanzata lungo la riva del Grande Fiume" dove "c'è gente che si scalda facilmente" e s'appassiona ancora a "storie che il Grande Fiume racconterà a chi va per favole nei pioppeti e sugli arenili". A patto naturalmente di andarci quando il caldo non è ancora "roba che si vede e che si tocca" e la nebbia non è tale "da tagliare col coltello".

I LAGHI DELL' APPENNINO

I laghi dell' appenninoNell'alto declivio a settentrione del crinale appenninico, bordate di verdi faggete, splendono gemme scintillanti. Gli specchi d'acqua del Lago Santo, dei Lagoni o Laghi Gemini in Val Parma, del lago Ballano in Val Cedra e altri ancora, una ventina in tutto, in un breve spazio di monti accolgono il turista amante della natura e dell'antica storia, testimone del dialogo dell'uomo con la montagna.

UNA PROVINCIA TERMALE

Terme solforose di TabianoC'era una volta il sale a Salsomaggiore. Poi nel 1839 Lorenzo Berzieri, medico condotto, scoprì le virtù delle bagnature "d'acqua madre". Maria Luigia, duchessa di Parma, sovvenne con munificenza all'apertura delle Terme solforose di Tabiano. Di lì a poco tutto cambiò, le fabbriche del sale furono soppiantate dagli stabilimenti termali. A Salsomaggiore è la Regina Margherita una delle più assidue frequentatrici del Grand Hotel des Thermes.

METE TURISTICHE

Mete turistiche ParmaSe volete trascorrere una vacanza riposante ed allo stesso tempo nel segno dell'attività fisica, non possiamo mancare di invitarvi a Bedonia, uno dei centri più belli ed accoglienti dell'Appennino Parmense, dove, il meraviglioso ambiente naturale, il camping dotato di tutti i comfort, le moderne attrezzature sportive e le manifestazioni folkloristiche vi faranno dimenticare le noiose giornate cittadine.

Condividi